Condividi

- Nel modello Standard, che è il riferimento di tutti i fisici, i Barioni hanno 3 Quark di Valenza. In questi ultimi anni si sta facendo avanti l'idea, suffragata da diverse evidenze sperimentali, che esisterebbero Barioni con 5 Quark di Valenza, il cosidetto "Pentaquark". Un gruppo di ricercatori, studiando l'effetto Compton dovuto a Fotoni con energia di circa 1 GeV che incidono su un bersaglio di Protoni, ha appena identificato 2 Strutture non attribuibili a nessuna delle Risonanze Barioniche previste dal Modello Standard. L'idea è che esse siano la traccia di due Risonanze a 5 quark. Per i dettagli clicca sul seguente link:

http://arxiv.org/pdf/1501.04333v1.pdf

Già qualche hanno fa, lo stesso gruppo di ricercatori, studiando la fotoproduzione del mesone eta, aveva identificato una risonanza attribuibile ad un Pentaquark. I dettagli sono descritti nel seguente aricolo pubblicato su Physical Review C:

 28.prc3.pdf

 Molti Fisici attualmente non vogliono riconoscere l'esistenza delle Risonanze a 5 Quark perchè ciò sarebbe come dichiarare il fallimento del Modello Standard su cui si basa la Fisica Moderna.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

- Alcuni ricercatori, facenti parte della Collaborazione Internazionale denominata GRAAL, hanno ipotizzato che la luce si propaghi nell'universo in modo anisotropo. A tal fine, presso l'ESRF di Grenoble (Francia), è stato realizzato un esperimento i cui dettagli sono descritti nel seguente articolo pubblicato su Physical Review letters:

 25.prl1.pdf

Se tutto ciò fosse confermato, si metterebbe in discussione l'idea della costanza della velocità della luce nel vuoto e di conseguenza crollerebbe uno dei 2 postulati su cui si basa la Teoria della Relatività "Speciale".


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.